Panorama Cotton: recensione

  • Genere: Shooter a scorrimento pseudo 3D
  • Lingua: inglese, giapponese
  • Publisher: ININ Games
  • Svilppatore: SUCCESS
  • Prezzo: 14,99 €
  • Versione testata: PS4
  • Data di uscita: 29/10/2021

Nell’anniversario della serie di Cotton, sparatutto con protagonista Nata, una streghetta golosa di dolci chiamati Willow, su Switch e PlayStation stanno tornando molti dei titoli della storica saga. Tra questi quello di cui oggi vi parliamo è Panorama Cotton, riproposto con un porting dell’originale versione del 1994 per Sega Mega Drive.

Sebbene questo titolo avrebbe meritato un remake alla Cotton Reboot, il gameplay frenetico di questo shooter con visuale in terza persona si mostra ugualmente ben capace di intrattenimento. Diversamente dagli altri Cotton che hanno una visuale a scorrimento laterale, infatti, ci troviamo di fronte a un cambio di prospettiva, nella quale Cotton viene vista di spalle mentre avanza per gli stage, come a simulare uno scenario tridimensionale. Questa caratteristica è stata ai suoi tempi una vera innovazione che lo distingue dagli altri titoli della serie.

Cotton e Silk, la fatina che affianca la streghetta, ci portano immediatamente a caccia di nemici, booster e dolcetti in un contesto di difficile comprensione data la sola localizzazione dei testi in giapponese motivo per cui non vi è molto da dire circa una trama principale. Rimane ugualmente percepibile il tono umoristico legato a Cotton e la sua passione per i Willow, che possiamo vedere in alcune sequenze molto espressive e ben caratterizzate. Tolto questo possiamo addentrarci in un’esperienza di puro gameplay.

Il gioco dispone di due modalità principali: standard e challenge con possibilità di impostare il livello di difficoltà sia prima della partita che durante, tramite la regolazione della velocità di Cotton. Gli elementi presenti nella schermata di gioco sono la barra della vita in alto al centro, il punteggio cumulato e la posizione in classifica. In basso troviamo invece la barra dell’esperienza che cresce in base alle combo di attacchi inferti ai nemici o di contro decresce se Cotton viene colpita. Per finire, troviamo una sezione dedicata agli attacchi magici disponibili e alla velocità della scopa regolabile dalla più moderata alla più veloce. Con il tasto R2 possiamo anche mandare avanti Silk contro i nemici per spianarci la strada.

Su questo fronte Panorama Cotton mostra una certa flessibilità a vantaggio della longevità del gioco, limitata a cinque stage che, se giocati alla massima velocità possono rivelarsi meno semplici di quanto sembrino. Complice un po’ la grafica originale che, in un gioco dai colori saturi e ambientazioni psichedeliche come questo, crea una certa confusione a livello visivo, e pertanto è molto facile perdere vite semplicemente perché non si distinguono perfettamente gli attacchi di Cotton da quelli dei nemici e così via. Gli effetti sonori restituiscono la sensazione di un gioco per cabinati e la soundtrack è abbastanza coinvolgente.

Considerato che questo capitolo debutta per la prima volta dopo molti anni fuori dal Giappone, in modo particolare per i nostalgici si tratta di un pezzo da recuperare e che in futuro magari piacerebbe rivedere anche con dei contenuti aggiuntivi. In altri tempi reperire Panorama Cotton avrebbe comportato costi di una certa portata, da collezionismo, mentre oggi sarà accessibile a tutti al prezzo di 14.99€ una soluzione bilanciata sia per le vecchie generazioni che per i neofiti.

Pro

  • Gameplay frenetico
  • Difficoltà flessibile

Contro

  • Talvolta confusionario
  • Testi solo in giapponese

Voto 8